5-Mag

I vantaggi della cessione del quinto per gli insegnanti

Tra i vari tipi di prestiti, dedicati ai docenti, il più interessante e vantaggioso è sicuramente il prestito tramite Cessione del Quinto.

Questa tipologia di prestito risulta la più richiesta da parte degli insegnanti grazie ai tassi vantaggiosi che offre e alla rapidità di gestione.

Ecco di seguito alcuni vantaggi del prodotto:

  • Erogazioni fino a 75.000 € e dilazione fino a 10 anni;
  • Tassi fissi e convenienti grazie alla convenzione NoiPA;
  • Firma singola e nessuna motivazione richiesta;
  • Utilizzabile per rinnovo cessione del quinto in corso;
  • Accessibile anche ai cattivi pagatori.

La cessione del quinto può essere richiesta proprio come tutti gli altri prestiti, anche On-line sfruttando la convenzione in essere con il servizio CREDITONET che consente alla richiesta di finanziamento una rapida evasione, in più con la procedura On-line, il docente per avviare la richiesta deve presentare solo le ultime due buste paga.

Per quanto riguarda le aree geografiche, la Lombardia è la prima regione italiana per numero di richieste con il 16,86% delle domande di finanziamento. Seguono il Lazio (13,68%) e la Campania (9,61%).

Ti potrebbe interessare
Debunkare alcune Fake News sulla Cessione del Quinto
Debunkare alcune Fake News sulla Cessione del Quinto

Cessione del quinto per dipendenti e pensionati: quali sono le bugie raccontate e perchè.

I vantaggi della cessione del quinto per gli insegnanti
I vantaggi della cessione del quinto per gli insegnanti

Tra i vari tipi di prestiti, dedicati ai docenti, il più interessante e vantaggioso è sicuramente il prestito tramite Cessione del Quinto.
Questa tipologia di prestito risulta la più richiesta da parte degli insegnanti grazie ai tassi vantaggiosi che offre e alla rapidità di gestione.

Cessione del quinto in crescita
Cessione del quinto in crescita

La cessione del quinto può essere concessa senza specifici motivi ma i dati evidenziano che la principale motivazione che spinge alla richiesta è il consolidamento dei debiti (37,9%). A seguire ci sono l’ottenimento di liquidità (33,9%) e la ristrutturazione della casa (8,9%).